traumi e lutto

TRAUMI

Esistono diversi tipi di eventi che possono potenzialmente determinare una reazione traumatica.
Si tratta di tutti quegli eventi che causano nella persona una forte reazione di stress e paura, in particolare quando la vita della persona viene minacciata e messa in pericolo, oppure la persona assiste  ad un evento in cui viene minacciata la vita di un’altra persona.
L’evento che determina una reazione traumatica può essere singolo (come ad esempio un incidente stradale) oppure ripetuto nel tempo (abusi fisici durante l’infanzia).
La ricerca ha dimostrato come la sintomatologia traumatica sviluppata in età adulta possa essere collegata ad uno sviluppo traumatico, caratterizzato cioè da condizioni relazionali ed affettive che hanno influenzato la crescita, la capacita di affrontare le difficoltà e di costruire relazioni affettive significative e soddisfacenti. Tali condizioni sono rappresentate ad esempio da  trascuratezza fisica ed emotiva, abuso fisico o psicologico, mancanza di attenzione, cura, supporto ed empatia da parte delle figure di riferimento.
Le reazioni ad un evento traumatico possono essere differenti. Generalmente l’evento traumatico viene superato dalla persona senza l’intervento specialistico in quanto il nostro cervello è dotato di meccanismi che consentono la corretta elaborazione e memorizzazione degli eventi.
In particolari circostanze questo però non avviene, tale processo si blocca e determina reazioni fisiche e psicologiche disturbanti per la persona.
In questi casi l’intervento psicoterapeutico è indispensabile per poter riattivare il naturale processo di elaborazione adattiva delle informazioni e riportare la persona al suo funzionamento ottimale.

  • Incidenti stradali, sul lavoro o domestici
  • Malattie
  • Lutti
  • Violenza fisica, verbale e psicologica subita o assistita
  • Abuso sessuale
  • Disastri naturali
  • Trascuratezza e disagio in età infantile
LUTTO

Chiunque sia mancato, un figlio, un coniuge, un genitore, un fratello, un nonno, un amico, sentiamo di aver perso una parte di noi stessi e, com’è naturale, sperimentiamo un periodo di sofferenza e difficoltà.
Non si può amare qualcuno e perderlo, senza sentirsi soli e deprivati del suo affetto, della sua esistenza, senza diventare vulnerabili e provare dolore.
L'”elaborazione del lutto” consiste nel lavoro di rielaborazione emotiva dei significati, dei vissuti e dei processi sociali legati alla perdita dell'”oggetto relazionale”, ovvero della persona (parente o amico) con la quale si era sviluppato un legame affettivo significativo, interrotto dal decesso della stessa.
In certi casi essere utile un sostegno psicotanatologico e/o psicotraumatologico.
Superare la morte di una persona cara è un’esperienza molto difficile che in taluni casi, per fortuna rari, può innescare sindromi depressive. Non bisogna però confondere la normale reazione ad un lutto, che presenta manifestazioni molto simili a quelle della depressione, con una vera malattia.

Le fasi del dolore. Il dolore che provoca un lutto si sviluppa normalmente in 5 fasi:
1- Negazione della realtà e isolamento: si tratta di un meccanismo di difesa che ci permette di attenuare l’intensa fase iniziale del dolore. E’ una risposta psicologica temporanea.
2- Rabbia: quando gli effetti mascheranti della negazione della realtà e dell’isolamento cominciano a svanire, la realtà ed il relativo dolore riappaiono. Ma non si è ancora pronti. L’emozione intensa è deviata dall’oggetto del dolore e riorientata e si esprime come rabbia. Rabbia che si può anche orientare verso il soggetto che ci ha provocato il dolore. A questo si può aggiungere un senso di colpa per essere arrabbiati e questo non fa che alimentare la rabbia stessa.
3- Auto recriminazioni: si incomincia poi una fase in cui si auto recrimina su azioni che si sarebbero potute compiere per evitare o ritardare il lutto. Se ci fossimo rivolti al medico prima, se avessimo richiesto l’intervento di altri specialisti, in altre strutture…
4- Depressione: due tipi di depressione sono associati al dolore che provoca un lutto. Una depressione più profonda ed una più legata agli aspetti pratici che il lutto può comportare. La durata di questa fase varia da alcune settimane e sei mesi. Le manifestazioni più tipiche sono umore depresso, sentimenti di tristezza, inappetenza, crisi di pianto, agitazione e scarsa concentrazione. La maggior parte delle persone ha la sensazione che il defunto sia in qualche modo ancora presente.
5- Accettazione: dopo la fase di depressione, i sintomi depressivi regrediscono e la persona tenta di tornare alla normalità. La durata di questa fase è variabile e non tutti riescono a raggiungerla.

  • Gestione lutto in età infantile ed adolescenziale
  • Comunicazione lutto ai bambini
  • Lutto patologico (blocco nel naturale processo di elaborazione dell’evento)
La perdita di una persona cara

Cosa accade dentro di noi quando qualcuno a cui vogliamo bene ci lascia? Cosa ci aiuta a tollerare il dolore e a superarlo definitivamente e quali sono, invece, gli ostacoli che non ci permettono di arrivare a rimarginare completamente la ferita? Quando si parla di lutto ci si riferisce normalmente alla morte.  In realtà la condizione...

Si può morire di tristezza?

Quasi tutti sperimentano almeno una volta nella vita la perdita di qualcuno che amano. Per molti, la perdita è così dolorosa da sentirne gli effetti anche nel corpo. Così, a seguito di un lutto, è possibile sviluppare sintomi psicosomatici disparati, perdere l'appetito, il sonno, soffrire di emicrania, sentire del dolore al petto, fare fatica a...

Resilienza: la capacità di resistere e reagire agli eventi dolorosi e traumatici

Resilienza è un concetto che appartiene al mondo della fisica e si riferisce alla velocità con cui un sistema ritorna allo stato iniziale dopo aver subito uno choc o una perturbazione che l'ha allontanato da quello stato. La psicologia ha preso in prestito questa definizione per descrivere la capacità degli esseri umani di resistere e...

Sofferenza normale e patologica: quali differenze?

Il limite che separa ciò che si definisce come “normalità” da quello che invece intendiamo come “patologia” è spesso incerto e poco chiaro ma di fondamentale importanza se vogliamo comprendere la natura di ciò che proviamo e la possibilità di trovare una risposta adeguata per il nostro disagio. Questo tema ha inoltre delle implicazioni evidentemente...

Che cosa è l’ EMDR ?

Che cosa è l'EMDR? L'EMDR, Eye Movement Desensitization and Reprocessing (Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i movimenti oculari) è una terapia psicologica nata negli Stati Uniti nel 1987 ad opera della Psicologa Francine Shapiro. Quando una persona sperimenta un evento di vita emotivamente molto stressante, può non essere in grado di integrare tutte le sue componenti  nella...

Catastrofi naturali e salute psicologica

Cosa accade quando si assiste in prima persona al verificarsi di una catastrofe naturale? Quali manifestazioni psicologiche e psicopatologiche rappresentano la risposta più tipica a questi eventi?

Parto e disturbo post traumatico da stress – PTSD

Partorire oggi non è la stessa cosa che partorire 100 anni fa, questo si sa. Oggi siamo sufficientemente serene, quando ci accingiamo a dare alla luce i nostri figli, che la scienza ci fornirà gli strumenti per partorire in sicurezza e con meno dolore possibile. Nonostante questo, il parto è e rimane uno degli eventi...

La comprensione della morte nel bambino e nell’adolescente

Il livello di comprensione del concetto di morte nel bambino varia a seconda dell’età e della fase di sviluppo nel quale si trova. Il pensiero infantile è di tipo animistico, egocentrico e magico e solo con il passaggio al pensiero operativo concreto il bambino può arrivare alla comprensione completa del concetto di morte e del...

Traumi e Sviluppo Traumatico

Il concetto di trauma è un concetto complesso. Il termine è a volte associato all'evento che determina una serie di conseguenze negative per la persona, a volte alle conseguenze stesse. È utile perciò distinguere tra evento traumatico e conseguenze traumatiche. Per quanto riguarda gli eventi traumatici è difficile categorizzarli in maniera precisa in quanto possono...

Il trauma dell’abuso sessuale

Fabrizia è una bella signora di 50 anni. Indossa abiti maschili che nascondono le forme del suo corpo, ha un taglio di capelli maschile e non si concede nemmeno un filo di trucco. Ogni cosa del suo aspetto e dei suoi gesti sembra manifestare il suo  bisogno di nascondere la donna che abita in lei....

Il lutto in adolescenza

In adolescenza c’è una piena comprensione della morte, ma molte caratteristiche di questa fase di vita possono rendere complicata la gestione di un lutto. Questa fase è infatti caratterizzata da insicurezza rispetto alla propria identità, atteggiamenti ambivalenti nella relazione con le figure genitoriali, tendenza all’impulsività, alle condotte oppositive, all’estremizzazione e all’idealizzazione. L’adolescente sente la spinta...

Il lutto patologico

Prima di poter parlare di lutto complicato o patologico dovrebbero essere trascorsi almeno 6 mesi, se non 1 anno, dalla morte della persona cara e devono essere presenti uno o più, fino a cinque, dei seguenti criteri con intensità tale da compromettere la vita quotidiana. E’ importante che comunque questo tipo di valutazione venga eseguita da...